Passa ai contenuti principali

La riunione segreta in cui si decise di vendere le aziende di Stato Italiane

Quando uno stimato ex-Ministro delle Finanze come Rino Formica sostiene che la vendita delle aziende di Stato italiane é stata pilotata dalla massoneria internazionale, é difficile non credergli.

Molti avevano detto che la cosiddetta Riunione del Britannia, si trattava solo di un complotto, ma la fonte stavolta é più che eminente, Rino Formica è stato un politico italiano socialista, più volte ministro delle finanze, socialista sì ma non ladro, infatti al processo che ci fu su mani pulite fu totalmente assolto ( tanto per mettere i puntini sulle i...).

Rino Formica in questa intervista, dice che la Riunione sul Britannia nel 1992, (nave ufficiale della Corona inglese) fatta a nome della Regina Elisabetta, era un incontro ad alti livelli tra imprenditori e politici italiani ed inglesi, per decidere del futuro e per cercare di convincere gli italiani che privatizzare le aziende pubbliche sarebbe stato un bene ( per Loro) e per l'economia in generale.

La riunione segreta in cui si decise di svendere l'Italia alle multinazionali

La massoneria internazionale decise di vendere le aziende di Stato italiane?

Questo è quello che è accaduto nella realtà, ben documentato anche dagli articoli dell'epoca del Corriere della Sera, in pratica fu una svolta della politica e dell'economia italiana molto importante.

Il lato più oscuro della vicenda e che difficilmente verrà fuori però, sottolinea come dice lo stesso Formica, che nella riunione del Britannia del 1992, cioé il panfilo personale della Corona Inglese, erano presenti decine di imprenditori e finanzieri affiliati agli "Invisibili", una particolare setta massonica internazionale, che tira le fila della finanza mondiale.

Chi conosce l'ABC della massoneria, sa che la massoneria inglese é dal 1.800 legata a doppio filo con i Windsor, e che la massoneria inglese sia la più potente ed importante del mondo, tanto da dare ordini ed ispirare le politiche delle altre massonerie mondiali, in primis quella oltreoceano americana.

Se è vero che il processo di privatizzazione delle aziende pubbliche oggi ci sembra una cosa del tutto normale, non lo era affatto all'inizio degli anni '90.

Non é detto che un'economia per funzionare bene debba essere del tutto liberalizzata e del tutto privatizzata.

Ci sono certi settori che se nazionalizzati funzionano meglio e danno più garanzie al cittadino (ospedali, scuole) senza influire negativamente sull'economia, anzi, sono una risorsa, nonostante siano pagate dalle casse dello Stato (si pensi solo all'istruzione..).
Se gli economisti sono divisi nell'opinione di privatizzare sì/ privatizzare no, sono invece tutti concordi nel dire che privatizzare le aziende pubbliche va certamente a vantaggio delle aziende private che possono comprarle e quindi allargare i loro affari e quindi ad un piccolo numero di imprenditori di diventare sempre più ricchi, proprio come sta avvenendo.
Fonti: 1 - 2 - 3  Leggi Anche:

Commenti

Post popolari in questo blog

Economic recession in Italy is over

La recessione economica in Italia é finita.
L'ISTAT ha annunciato stamani che la recessione é finita.
L'ISTAT ha detto che nei primi tre mesi del 2015, c'é stato un aumento dello 0,3% del PIL, rispetto al trimestre precedente, mentre la variazione acquisita del Pil per il 2015 è pari a 0,2%.
Si tratta, in ogni caso, dell'incremento più alto dal primo trimestre del 2011 quando il Pil era salito dello 0,4%.
Finalmente una buona notizia per la Nostra economia, che toglie anche molti problemi di immagine al Governo Renzi, problemi dovuti ad un rimborso che lo Stato italiano deve fare ai pensionati, rimborso di 20 miliardi di euro.

Buoni Fruttiferi Postali 2017 interessi rendimenti consigli opinioni

I Buoni Fruttiferi Postali 2017 (BFP) sono da sempre uno degli investimenti più sicuri per gli italiani. Quali interessi danno oggi? Conviene investire soldi nei Buoni Postali in questo 2017?

In un periodo di crescente sfiducia da parte del risparmiatore, clima dovuto ai recenti scandali pompati anche dalla stampa e dall'opinione pubblica che hanno coinvolto Banche conosciute a livello nazionale ( anche perchè una di loro interessava un importante membro del Governo), nonchè alla nuova normativa in vigore dal Gennaio 2016 che prevede il Bail In, cioè il prelievo forzoso dai conti correnti superiori a 100 mila euro di importo in caso di fallimento di una banca, i clienti di molte banche stanno seriamente pensando di spostare l'eccedenza dei 100 mila euro verso risparmi garantiti dallo Stato, cioé Buoni Postali e libretti postali.

Purtroppo come tutti sanno i gli interessi dei Buoni Fruttiferi Postali non sono molto alti in questo periodo anzi, possiamo dire tranquillamente che …

Persone più ricche di tutti i tempi: Marco Licinio Crasso

Marco Licinio Crasso, nato in una ricca famiglia romana intorno all'anno 115 aC, ha acquisito enorme ricchezza attraverso (secondo le parole di Plutarco) "fuoco e rapine."
Uno dei suoi piani più redditizi hanno approfittato del fatto che Roma non aveva vigili del fuoco. Crasso riempito questo vuoto creando la sua brigata - 500 uomini forti - che si precipitò a edifici in fiamme al primo grido di allarme.
Al suo arrivo sulla scena, tuttavia, i vigili del fuoco non hanno fatto nulla, mentre il loro datore di lavoro contrattato sul prezzo dei loro servizi con il proprietario in difficoltà.
Se Crasso non poteva negoziare un prezzo soddisfacente, i suoi uomini semplicemente lasciare che la struttura bruciare a terra. Un'altra delle sue imprese redditizie era una scuola per gli schiavi; Crasso acquistato schiavi non qualificati, li aveva addestrati, e poi li ha venduti per lauti guadagni.
Come ha fatto Marco Licinio Crasso a diventare l'uomo più ricco della storia di Ro…