Passa ai contenuti principali

Laureati in Italia: perché la Nostra economia non crescerà più

L'Italia ha la minor percentuale di laureati rispetto la popolazione di tutta Europa. Anche se vogliamo paragonare l'Italia agli altri 34 membri dei paesi OCSE non ce la facciamo.
La nostra percentuale di laureati, è molto inferiore alla media di questi 34 stati, molto inferiore stiamo praticamente al terzultimo posto, solo Turchia e Brasile riescono a fare un pochino peggio di Noi.

Questi sconfortanti dati, la dicono lunga sulle sorti economiche del Nostro paese.
Per avere un'economia che tira, bisogna avere laureati.
Nel 2015 non si può pensare di avere una forte economia se la basiamo solo sul lavoro delle braccia.
Quando si parla di 'problemi strutturali dell'economia italiana', di solito non si riesce a capire bene cosa siano.
Di solito, ogni politico, o ogni partito tirano fuori problemi che poco hanno a che fare con la realtà.

Questi dati qui sotto, fanno notare come in un'economia globale avanzata in cui una laurea dovrebbe essere un elemento quasi indispensabile per selezionare un candidato ad un nuovo lavoro, l'Italia si classifichi come uno degli ultimi paesi sviluppati.


Classifica Paese Percentuale
1  Sud Corea 63.82%
2  Giappone 58.70%
3  Canada 56.70%
4  Russia 56.46%
5  Irlanda 47.19%
6  Regno Unito 46.91%
7  Norvegia 46.80%
8  Lussemburgo 46.64%
9  Nuova Zelanda 46.04%
10  Israele 45.04%
11  Australia 44.61%
12  Stati Uniti 43.13%
13  Francia 43.01%
14  Svezia 42.86%
15  Belgio 42.45%
16  Cile 41.30%
17  Olanda 39.90%
18   Svizzera 39.80%
19  Finlandia 39.37%
20  Islanda 39.37%
21  Polonia 39.20%
22  Spagna 39.15%
23  Estonia 39.05%
X Media Paesi OCSE  38.62%
24  Danimarca 38.58%
25  Slovenia 33.81%
26  Grecia 32.52%
27  Ungheria 28.10%
28  Germania 27.67%
29  Portogallo 26.92%
30  Slovacchia 25.66%
31  Republica Ceca 25.13%
32  Messico 22.54%
33  Austria 21.16%
34  Italia 20.98%
35  Turchia 18.87%
36  Brasile 12.74%

Commenti

  1. E i pochi che ci sono sono costretti ad emigrare... Quante volte ho sentito dire " un laureato non mi serve, anzi non lo voglio..." da potenziali datori di lavoro italiani... Invece, all estero i laureati italiani sono molto ben accetti....

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Economic recession in Italy is over

La recessione economica in Italia é finita.
L'ISTAT ha annunciato stamani che la recessione é finita.
L'ISTAT ha detto che nei primi tre mesi del 2015, c'é stato un aumento dello 0,3% del PIL, rispetto al trimestre precedente, mentre la variazione acquisita del Pil per il 2015 è pari a 0,2%.
Si tratta, in ogni caso, dell'incremento più alto dal primo trimestre del 2011 quando il Pil era salito dello 0,4%.
Finalmente una buona notizia per la Nostra economia, che toglie anche molti problemi di immagine al Governo Renzi, problemi dovuti ad un rimborso che lo Stato italiano deve fare ai pensionati, rimborso di 20 miliardi di euro.

Buoni Fruttiferi Postali 2017 interessi rendimenti consigli opinioni

I Buoni Fruttiferi Postali 2017 (BFP) sono da sempre uno degli investimenti più sicuri per gli italiani. Quali interessi danno oggi? Conviene investire soldi nei Buoni Postali in questo 2017?

In un periodo di crescente sfiducia da parte del risparmiatore, clima dovuto ai recenti scandali pompati anche dalla stampa e dall'opinione pubblica che hanno coinvolto Banche conosciute a livello nazionale ( anche perchè una di loro interessava un importante membro del Governo), nonchè alla nuova normativa in vigore dal Gennaio 2016 che prevede il Bail In, cioè il prelievo forzoso dai conti correnti superiori a 100 mila euro di importo in caso di fallimento di una banca, i clienti di molte banche stanno seriamente pensando di spostare l'eccedenza dei 100 mila euro verso risparmi garantiti dallo Stato, cioé Buoni Postali e libretti postali.

Purtroppo come tutti sanno i gli interessi dei Buoni Fruttiferi Postali non sono molto alti in questo periodo anzi, possiamo dire tranquillamente che …

Persone più ricche di tutti i tempi: Marco Licinio Crasso

Marco Licinio Crasso, nato in una ricca famiglia romana intorno all'anno 115 aC, ha acquisito enorme ricchezza attraverso (secondo le parole di Plutarco) "fuoco e rapine."
Uno dei suoi piani più redditizi hanno approfittato del fatto che Roma non aveva vigili del fuoco. Crasso riempito questo vuoto creando la sua brigata - 500 uomini forti - che si precipitò a edifici in fiamme al primo grido di allarme.
Al suo arrivo sulla scena, tuttavia, i vigili del fuoco non hanno fatto nulla, mentre il loro datore di lavoro contrattato sul prezzo dei loro servizi con il proprietario in difficoltà.
Se Crasso non poteva negoziare un prezzo soddisfacente, i suoi uomini semplicemente lasciare che la struttura bruciare a terra. Un'altra delle sue imprese redditizie era una scuola per gli schiavi; Crasso acquistato schiavi non qualificati, li aveva addestrati, e poi li ha venduti per lauti guadagni.
Come ha fatto Marco Licinio Crasso a diventare l'uomo più ricco della storia di Ro…