Passa ai contenuti principali

Pensioni, si studia uscita a 62 anni con 1 mese penalità

Ci sono importanti novità per le pensioni. Le notizie ci dicono che il Governo sta studiando un modo per far andare in pensione tutti a 62 anni.

Queste prossime settimane di questa calda estate 2015, saranno cruciali per sciogliere il nodo delle pensioni, un imbuto che blocca il naturale ricambio generazionale dei lavoratori italiani e che va assolutamente sbloccato, come tutte le forze politiche auspicano ormai in modo trasversale.

Il problema delle pensioni sono i soldi:

I soldi non ci sono o meglio: non ci sarebbero, a meno che... A volte le soluzioni possono essere estremamente semplici, come ha detto il Ministro Padoan, un modo ci sarebbe per far tornare i conti. quello di espandere questa nuova spesa nel tempo e, anche grazie al Quantitative Easing che la BCE ci permetterà di sfruttare i soldi per le pensioni si potrebbero trovare.
Chi potrà andare in pensione anticipata?

Pensioni, si studia uscita a 62 anni con 1 mese penalità
Ci sarebbe un'uscita anticipata a partire da 62 anni con penalizzazioni proporzionali che arrivano all'8% (ma anche uscita anticipata per chi abbia raggiunto 41 anni di contributi, indipendentemente dall'età anagrafica, e senza penalizzazioni). ( approfondimenti).

Quanto prenderò in meno se andrò in pensione anticipatamente?

La penalizzazione che si sta studiando per chi voglia avere un  prepensionamento, sarebbe di una mensilità ogni anno, per coloro che andranno in pensione con 62 anni di età anagrafica ed un minimo di contributi ( ancora da stabilire).

Settimana intensa di dibattiti parlamentari sulle pensioni:

Questa settimana sarà la prima di tante settimane estive molto importanti per una riforma delle pensioni, o quantomeno di una parte di sistema pensionistico che verrà riformato, come i nuovi parametri per la pensione anticipata, che inizierà con il dibattito sulla proposta Damiano-Beretta.

Commenti

Post popolari in questo blog

Economic recession in Italy is over

La recessione economica in Italia é finita.
L'ISTAT ha annunciato stamani che la recessione é finita.
L'ISTAT ha detto che nei primi tre mesi del 2015, c'é stato un aumento dello 0,3% del PIL, rispetto al trimestre precedente, mentre la variazione acquisita del Pil per il 2015 è pari a 0,2%.
Si tratta, in ogni caso, dell'incremento più alto dal primo trimestre del 2011 quando il Pil era salito dello 0,4%.
Finalmente una buona notizia per la Nostra economia, che toglie anche molti problemi di immagine al Governo Renzi, problemi dovuti ad un rimborso che lo Stato italiano deve fare ai pensionati, rimborso di 20 miliardi di euro.

Buoni Fruttiferi Postali 2017 interessi rendimenti consigli opinioni

I Buoni Fruttiferi Postali 2017 (BFP) sono da sempre uno degli investimenti più sicuri per gli italiani. Quali interessi danno oggi? Conviene investire soldi nei Buoni Postali in questo 2017?

In un periodo di crescente sfiducia da parte del risparmiatore, clima dovuto ai recenti scandali pompati anche dalla stampa e dall'opinione pubblica che hanno coinvolto Banche conosciute a livello nazionale ( anche perchè una di loro interessava un importante membro del Governo), nonchè alla nuova normativa in vigore dal Gennaio 2016 che prevede il Bail In, cioè il prelievo forzoso dai conti correnti superiori a 100 mila euro di importo in caso di fallimento di una banca, i clienti di molte banche stanno seriamente pensando di spostare l'eccedenza dei 100 mila euro verso risparmi garantiti dallo Stato, cioé Buoni Postali e libretti postali.

Purtroppo come tutti sanno i gli interessi dei Buoni Fruttiferi Postali non sono molto alti in questo periodo anzi, possiamo dire tranquillamente che …

Persone più ricche di tutti i tempi: Marco Licinio Crasso

Marco Licinio Crasso, nato in una ricca famiglia romana intorno all'anno 115 aC, ha acquisito enorme ricchezza attraverso (secondo le parole di Plutarco) "fuoco e rapine."
Uno dei suoi piani più redditizi hanno approfittato del fatto che Roma non aveva vigili del fuoco. Crasso riempito questo vuoto creando la sua brigata - 500 uomini forti - che si precipitò a edifici in fiamme al primo grido di allarme.
Al suo arrivo sulla scena, tuttavia, i vigili del fuoco non hanno fatto nulla, mentre il loro datore di lavoro contrattato sul prezzo dei loro servizi con il proprietario in difficoltà.
Se Crasso non poteva negoziare un prezzo soddisfacente, i suoi uomini semplicemente lasciare che la struttura bruciare a terra. Un'altra delle sue imprese redditizie era una scuola per gli schiavi; Crasso acquistato schiavi non qualificati, li aveva addestrati, e poi li ha venduti per lauti guadagni.
Come ha fatto Marco Licinio Crasso a diventare l'uomo più ricco della storia di Ro…