Passa ai contenuti principali

TARI: come avere lo sconto sulla Tassa sui Rifiuti, ce lo dice una nuova sentenza

Una bella notizia che ci arriva da Perugia: un tribunale ha stabilito che se il punto di raccolta è lontano più di 300 metri da casa, si ha diritto ad uno sconto sulla Tari, la tassa sui rifiuti.

In realtà, questa sentenza pubblicata da poco, e che molti quotidiani oggi riportano, fa riferimento alla TARES, la vecchia tassa sui rifiuti che é stata in vigore 2 o 3 anni, per essere sostituita dalla nuova TARI, ma, in teoria dovrebbe poter essere applicata anche alla nuova imposta sui rifiuti.
La prima sezione della commissione tributaria di Perugia, con sentenza 235/2014, ha stabilito che "Il contribuente con l’immobile distante dal servizio di raccolta rifiuti oltre 300 metri lineari versa una tassa ridotta".
Questo principio, in realtà è in vigore già in molte municipalizzate per la raccolta dei rifiuti urbani; molti contratti, nei vari comuni italiani già prevedono che chi ha la raccolta dei rifiuti lontano da casa, abbia diritto ad uno sconto su questa costosa tassa.

TARI: come avere lo sconto sulla Tassa sui Rifiuti, ce lo dice una nuova sentenza

Cosa cambia ora per il contribuente?

  • In verità niente, a meno che i cittadini di un determinato comune italiano, i quali si trovano nelle stesse condizioni disagiate ( cioé hanno la raccolta rifiuti ad oltre 300 metri da casa), non si mettano insieme e riescano a strappare una postilla sul contratto, all'azienda municipalizzata, altrimenti per poter avere uno sconto, dovranno rivolgersi ad una commissione tributaria locale, come ha fatto la ditta perugina che ha 'vinto' questo contenzioso.
  • La sentenza, continua dicendo: "La tassa è dovuta in misura ridotta per tutti gli immobili rispetto ai quali il servizio è di fatto svolto, ma che distano dal più vicino punto di raccolta oltre 300 metri che si calcolano dall’imbocco della strada privata… pertanto nel caso di un servizio inadeguato o carente la tassa è dovuta, ma in misura ridotta", ma non specifica in quale percentuale ci debba essere questo sconto sulla TARI.
  • La sentenza, farà comunque giurisprudenza nazionale, quindi le municipalizzate che si occupano di smaltimento di rifiuti sono avvertite.

Commenti

Post popolari in questo blog

Economic recession in Italy is over

La recessione economica in Italia é finita.
L'ISTAT ha annunciato stamani che la recessione é finita.
L'ISTAT ha detto che nei primi tre mesi del 2015, c'é stato un aumento dello 0,3% del PIL, rispetto al trimestre precedente, mentre la variazione acquisita del Pil per il 2015 è pari a 0,2%.
Si tratta, in ogni caso, dell'incremento più alto dal primo trimestre del 2011 quando il Pil era salito dello 0,4%.
Finalmente una buona notizia per la Nostra economia, che toglie anche molti problemi di immagine al Governo Renzi, problemi dovuti ad un rimborso che lo Stato italiano deve fare ai pensionati, rimborso di 20 miliardi di euro.

Il Metodo Italiano The Italian Method funziona o è una truffa??

La pubblicità de Il Metodo italiano - The Italian Method, ci dice che è un metodo sicuro per fare soldi, ma funziona o è solo una truffa?
Proprio poche settimane fa', parlavamo di The Millionaire in JPS, un altro metodo che come Il Metodo Italiano prometteva mare e monti, cioè prometteva di far guadagnare tanti soldi a chi provava ad entrare nel sito e a scommettere io Opzioni Binarie.

Innanzitutto bisogna togliere un dubbio che avrà colto tutte le persone che non conosco bene il Trading Online e che hanno visto la pubblicità.
Il trading online è un modo di contrattare dei titoli finanziari tramite internet, si tratta quindi di compra vendita.

Buoni Fruttiferi Postali 2017 interessi rendimenti consigli opinioni

I Buoni Fruttiferi Postali 2017 (BFP) sono da sempre uno degli investimenti più sicuri per gli italiani. Quali interessi danno oggi? Conviene investire soldi nei Buoni Postali in questo 2017?

In un periodo di crescente sfiducia da parte del risparmiatore, clima dovuto ai recenti scandali pompati anche dalla stampa e dall'opinione pubblica che hanno coinvolto Banche conosciute a livello nazionale ( anche perchè una di loro interessava un importante membro del Governo), nonchè alla nuova normativa in vigore dal Gennaio 2016 che prevede il Bail In, cioè il prelievo forzoso dai conti correnti superiori a 100 mila euro di importo in caso di fallimento di una banca, i clienti di molte banche stanno seriamente pensando di spostare l'eccedenza dei 100 mila euro verso risparmi garantiti dallo Stato, cioé Buoni Postali e libretti postali.

Purtroppo come tutti sanno i gli interessi dei Buoni Fruttiferi Postali non sono molto alti in questo periodo anzi, possiamo dire tranquillamente che …